Top
 

Cuba

Cuba

Visitate Cuba prima della scomparsa di Fidel Castro, poiché dopo di lui il paese non sarà più lo stesso.

Visitate Cuba prima della scomparsa di Fidel Castro, poiché dopo di lui il paese non sarà più lo stesso. Prima di partire munitevi di numerosi biglietti da 1 dollaro e anche di centesimi americani. È più facile mercanteggiare e la maggior parte dei taxi e dei negozi raramente dispone di monete per il resto. Non abbiate paura di assaggiare la cucina locale, nelle pensioni o a casa degli abitanti. Si possono gustare eccellenti astici a prezzi ragionevoli.

Sappiate che è obbligatorio aver prenotato almeno tre notti in albergo per acquistare un biglietto aereo. A volte, con certe agenzie, è possibile fare uno strappo alla regola. In tal caso dovrete dar prova di fantasia al controllo della polizia, che vi chiederà sicuramente informazioni sul vostro itinerario e sul vostro pernottamento.

Al ritorno: non dimenticatevi la tassa di uscita dal territorio, 20 $, da pagare in contanti. Partendo dall’Avana capita di fare uno scalo a Varadero o a Santiago, il che allunga di un’ora la durata del viaggio. Gli aerei con destinazioni in Europa decollano, generalmente, nel tardo pomeriggio e arrivano la mattina presto.

Quando andarci

GENFEBMARAPRMAGGIULUGAGOSETOTTNOVDIC
  • Atmosfera anni ’50.
  • Ricchezza patrimonio artistico.
  • Spiagge caraibiche ed incontaminate.
  • La musica è sempre presente in qualsiasi posto.
  • Gli abitanti possono essere invadenti per la ricerca continua di denaro.
  • Gastronomia non di particolare qualità e raffinatezza.
  • Località balneari presenziate solo dai turisti. Scarsa presenza di gente cubana.

Luoghi da non perdere

Cienfuegos, Cayo Coco, L’Avana, Holguin, Santiago de Cuba, Trinidad, Varadero, Guardalavaca.

Curiosità

  • Il machismo è ancora molto presente nella mentalità comune. Per l’uomo cubano fischiare dietro una donna per strada o abbordarla con complimenti, equivale a farle onore, non a disprezzarla.
  • Il piatto nazionale è il congri, insieme fritto di cipolle, di riso bianco, di fagioli neri e di pezzetti di lardo. Il maiale è la carne più consumata, fritta o cotta al forno. Il pollo si cucina alla creola, con una salsa aromatizzata ma non piccante.
  • Non lasciate l’isola senza aver acquistato una bottiglia di rum e una scatola di sigari. Per quanto riguarda il rum, il migliore è senza dubbio l’Havana Club, mentre per quanto riguarda i sigari, non bisogna acquistarli dai venditori che vi attirano per strada.

Sorry, the comment form is closed at this time.